Notizie

L'aiuola ventidue



La prima volta furono invitati al giardino da amici comuni, in seguito tornarono sollecitati dal secondogenito di dieci anni, nato con la passione per la natura e il giardinaggio. Dapprima un po’ spaesati e increduli davanti alle dimensioni e alla complessità della struttura del giardino botanico, furono in seguito costantemente presenti fintanto che presero la decisione di adottare come famiglia l’aiuola numero 22, quella dei meli da fiore e dei tigli rari. Oggi, a distanza di due anni, continuano a venire, controllare e manutenzionare la stessa aiuola osservandone l’evoluzione, accompagnati dal simpatico cane dagli occhi nero azzurri.

Proprio sabato scorso, accanto alla neonata serra calda, il padre diceva:” Vedi, nessuno può impedirti di sognare, e, qualche volta i sogni si avverano” “ hai proprio ragione” ho risposto, “ed è bello poter estendere questo concetto a tutti, specialmente ai giovani”.

Nato da un sogno, il progetto del giardino botanico la Pìca ha finalità didattiche e scientifiche, vive da tre anni, è frequentato da tante persone che apprezzano l’iniziativa. Accoglie scuole in visita, giovani delle scuole superiori in stage, aderisce a ‘impatto zero, è sponsorizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, patrocinato dai comuni di Mirandola e San Felice sul Panaro, e dà la possibilità di adottare attivamente un aiuola come sta facendo questa bellissima famiglia che potrete incontrare il sabato pomeriggio all’ aiuola 22.

9 maggio 2010


Giorgio Cavazza
Presidente dell’Associazione
ONLUS la Pìca giardino botanico